il partito di sinistra

Home Forum Cambiare il mondo, non aggiustarlo il partito di sinistra

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Francesco Francesco 1 mese fa.

  • Autore
    Articoli
  • #681
    espa
    espa
    Partecipante

    per cambiare la societa’ ci organizziamo e creiamo il partito, un partito di sinistra. Di recente alcuni segnali mi danno da pensare, temo che le cose non stiano andando per il verso auspicato.
    Tempo fa posi, credo qui la questione della lotta a sinistra, tra i ripropositori di un csx riformato e la nostra azione per un partito di sinistra…compagni devo dire che a me sembra stia prevalendo l’area che vede in un csx riformato, lo strumendo piu’ adatto a contrapporsi al governo pentaleghista.
    Quando posi in precedenza la questione , mi fu risposto con nettezza che non esisteva proprio, il csx era morto. Ora compagni vorrei che si riflettesse su alcune cose a partire dalla grande manifestazione sindacale unitaria di 2 sabati fa…quella manifestazione compagni, era una manifestazione unitaria che comprendeva al suo interno persino delle frange imprenditoriali, compagni quella era una manifestazione di centrosinistra. Domenica ci sono state le elezioni regionali in Abruzzo, noi e altri di sinistra abbiamo partecipato in una coalizione rinnovata di csx. tra poco la Sardegna andra’ al voto, e mi sembra che anche li ci presenteremo con una lista larga di csx e la stessa cosa molto probabilmente succedera’ prossimamente in Piemonte. Questa compagni e’ la realta’ nel paese. Quello che noi potremmo/dovremmo fare, realizzare una forza di sinistra che possa presentarsi autonomamente e misurarsi con l’elettorato e con le altre forze politiche, e’ di la da venire, questa forza dovrebbe essere formata da una aggregazione di forze di sinistra che si fondano e diventano partito, era la mia idea ma sembra nella migliore delle ipotesi che questa idea sia in ritardo… per realizzare un soggetto di sinistra visibile LeU dovrebbe trovare il concorso di altre forze…proprio ieri, si discuteva con Dario e Alfredo, della costituenda associazione e dell’incontro di coordinamento del 27 febbraio, al di la di elementi non proprio coincidenti nella discussione, io mi auguro che ci sia coscienza che stiamo in ritardo, che l’associazione rappresenti percio’ un obiettivo intermedio da superare con la realizzazione del partito quanto prima, e soprattutto che questa assemblea di CN, si svolga con pieno successo senza lasciare incomprensioni.

  • #682
    Francesco
    Francesco
    Partecipante

    Da come la vedo io ci sono due opzioni praticabili:

    – O si fa un partito di Sinistra che, certo della sua identità, non ha problemi a dialogare con altre forze progressiste per la costruzione di un fronte progressista che punti al governo ( visto che in Italia la Sinistra non avrà mai i numeri per governare da sola )

    – O si fa un partito ampio di centro-sinistra che raccolga al suo interno tutte le forze progressiste e si candidi a governare.

    La differenza tra le due opzioni è che nella prima la dialettica tra centro e sinistra è esterna al partito, nella seconda è interna. Inoltre nel primo caso il Partito della Sinistra avrebbe una identità ben definita anche potrebbe esprimerla solo parzialmente, in misura del consenso elettorale che riesce ad ottenere. Nel secondo caso il Partito di CentroSinistra avrebbe una identità mutevole, frutto degli equilibri interni delle varie componenti. Per queste ragioni, pur considerandomi un progressista moderato in prestito alla sinistra, io preferisco la prima ipotesi.

    C’è poi una terza possibilità, quello di un partito di “duri e puri” che non dialoga con nessuno e si vota all’opposizione perenne. Scelta onorabile anch’essa, ma che francamente non mi interessa.

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.